Reflex digitali Full Frame a confronto: Canon EOS 5D Mk II vs Nikon D700 vs Sony A900 – Parte 2

Confronto fotocamere digitali Full Frame – Nikon vs Canon vs Sony

nikon-d700-trequarti

La Nikon D700 a confronto con le altre full frame

—–

Continuiamo il confronto di Photocrati fra le reflex digitali Full Frame con la prova della fotocamera digitale Nikon D700. La D700 eredita la qualità d’immagine della D3 utilizzandone le stesse tecnologie di base, come il sensore di immagine CMOS da 12.1 megapixel effettivi e la possibilità di estendere notevolmente la sensibilità ISO.

La Nikon D700 è una reflex solida e ben costruita, che ha convinto molti professionisti a compiere il salto al formato full frame, rispolverando i 28-70 e gli 80-200 f/2.8 gelosamente custoditi nei cassetti…

Le sue prestazioni sono di tutto rispetto e la qualità d’immagine è notevole, ma i suoi 12 milioni di pixel contro i 21 della Canon ed i 24 e passa della Sony possono essere una differenza da non trascurare. Non una macchina fotografica per neofiti ad ogni modo, viste anche le 444 pagine del corposo manuale che l’accompagna!

Nikon D700 – La prova a confronto di Photocrati

——–

“Combinando le migliori caratteristiche e tecnologia della Nikon D3, la D700 risulta molto più compatta e leggera. La nuova professionale condivide inoltre il processore d’immagine EXPEED ed ilnikon d700 back sensore CMOS Full-Frame da 12.1 megapixel mantenendo la stessa robustezza generale della D3 grazie al corpo in lega di magnesio con sigillature anti-acqua. La differenziano dalla sorella maggiore la minore velocità di scatto in sequenza di “soli” 5 fotogrammi al secondo (che diventano 8 con l’impugnatura opzionale MB-D10), una ridotta copertura del mirino (95% invece che 100%) ed un solo slot per schede di memoria Compact Flash (la D3 ne ha tre). La D700 peraltro guadagna l’utile flash incorporato e l’indispensabile pulizia automatica del sensore.

Caratteristiche di rilievo ancora presenti includono la funzione Live View, la sensibilità estesa sino a 25.600 ISO, il veloce sistema autofocus a 51 punti (MultiCAM3500) completo dello straordinario Tracking 3D ed un bel display LCD da tre pollici e 920.000 punti.

nikon-d700-trio

La reflex digitale Nikon D700

Più somigliante esteriormente alla Nikon D300 ma un pò più grande e pesante, la D700 è maggiormente versatile. Il suo sensore a pieno formato 24×36 mm permette l’utilizzo di qualsiasi obiettivo costruito per il formato 35mm mantenendone l’angolo e la profondità di campo al quale eravamo abituati nella fotografia analogica, un decisivo vantaggio in specialmodo nell’utilizzo di ottiche grandangolari. La D700, come anche la D3, accetta anche le ottiche Nikkor DX disegnate per le digitali con sensore APS-C, in questo caso la risoluzione decresce a 5 megapixel con il consueto cropping dell’immagine.

La Nikon D700 non possiede una modalità di ripresa video nè un sistema di stabilizzazione dell’immagine incorporato nel corpo macchina. Ad oggi comunque non sono molti i fotografi evoluti che desiderano effettuare riprese video con la propria reflex e, per il resto, un numero sempre crescente di ottiche Nikon dispongono ormai dell’ottimo stabilizzatore incorporato “VR”.

Il sistema autofocus è molto avanzato con i suoi 51 punti di cui 15 nikon-d700-mirinoa croce, più il famoso 3D Tracking per la fotografia di soggetti in movimento. La messa a fuoco è veramente rapidissima e praticamente a prova d’errore durante l’inseguimento di soggetti in moto; da questo punto di vista la Nikon D700 è la migliore reflex digitale che io abbia mai provato.

La misurazione esposimetrica si appoggia al sistema SRS per il riconoscimento automatico della scena, combinando tra loro i dati provenienti dai 1005 pixel del sensore esposimetrico, dall’autofocus e dal sensore del bilanciamento del bianco. La precisione del sistema è nota, anche se sorprendentemente l’esemplare utilizzato per il test tende ad una leggera sovraesposizione generale.

nikon d700 orizon

L'orizzonte elettronico della Nikon D700

La D700 è la più pesante reflex del gruppo in prova ma anche la più adatta a mio parere a soddisfare le esigenze del fotografo professionista. Certamente indicata anche per il fotoamatore evoluto che desideri la massima rapidità ed un sensore full frame, a patto che decida di dedicare del tempo per scoprire tutte le potenzialità di questa fotocamera.

Nikon ha deciso di non riempire il sensore 24×36 della D700 con 20 e più milioni di pixel, per questo motivo la dimensione di ogni pixel è insolitamente grande rispetto alle concorrenti. Questa scelta, insieme ad un algoritmo di riduzione del rumore ottimale, è stata la chiave per garantire performance elevatissime alle alte sensibilità ISO, di cui la D700 può essere certamente fiera. Utilizzando il livello standard di riduzione del rumore, immagini riprese sino a 6400 ISO non sono sporcate da elaborazioni aggressive, mantenendo ineguagliabile resa di dettaglio e finezza di grana. In verità la D700 è la migliore reflex che abbia mai testato in termini di qualità d’immagine a livelli di sensibilità da 1600 ISO in su.

Una D700 tutta da gustare! Courtesy Fsumaria

Una D700 tutta da gustare! Courtesy Fsumaria

Durante questo lungo test a confronto la Nikon D700 ha superato le mie aspettative sia in termini qualitativi che di versatilità. Altre reflex pieno formato di costo similare possono vantare risoluzioni molto superiori ma sono convinto che 12 megapixel di questa classe – con grandi pixel per eccezionali prestazioni alle alte sensibilità – possano soddisfare le esigenze di molti.”

Il test a confronto Canon EOS 5D Mk II vs Nikon D700 vs Sony Alpha A900 su Photocrati (inglese):

La prova sul campo di Photocrati dedicata alla sola Nikon D700 (inglese):

La pagina della Nikon D700 sul sito ufficiale Nital (italiano):

{lang: 'it'}
Related Posts with Thumbnails