Lezioni di Fotografia: Le fotocamere digitali

Corso Fotografia Digitale – Lezione 3

___________

Classificazione delle fotocamere digitali

Vediamo ora insieme quali categorie di fotocamere digitali sono attualmente disponibili sul mercato. Le tradizionali fotocamere da 35mm hanno preso la forma che ci è familiare per esigenze di spazio relative all’alloggiamento del rullino, dell’obiettivo, dei prismi ecc. Le moderne fotocamere digitali sono relativamente libere da questi limiti, e per questo motivo possono assumere nuove forme. Alcuni costruttori producono fotocamere digitali che riprendono l’aspetto familiare delle 35mm analogiche, mentre altri cercano soluzioni di design alternative.

A parte l’aspetto esterno, possiamo approssimativamente suddividere il mercato in tre categorie, senza tracciare linee di separazione rigide tra una categoria e l’altra. Se usiamo i parametri di risoluzione, caratteristiche tecniche e prezzo, vedremo che in molti casi attribuire una fotocamera ad una specifica categoria risulta difficile e talvolta arbitrario.

La categoria di base comprende le fotocamere definite “consumer” o compatte, completamente automatiche o con limitate funzioni manuali, solitamente di piccole dimensioni.

A livello intermedio troviamo le fotocamere digitali compatte di categoria superiore o “Bridge”, con possibilità di escludere gli automatismi e di usare le regolazioni manuali, dotate di ottiche zoom di escursione focale elevata, maneggevoli ma di dimensioni superiori alle compatte. Alle digitali ‘Bridge’ si sono recentemente affiancate le nuove “Micro Quattro Terzi”, ulteriore tentativo di avvicinare compatte e reflex, fotocamere con ottiche intercambiabili ma di dimensione e peso contenuti grazie all’eliminazione dello specchio reflex (mirrorless).

Le fotocamere reflex digitali sono le più evolute, distinte in ‘entry-level’ nel segmento più amatoriale, in semi-professionali, talvolta definite ‘prosumer’, con le caratteristiche richieste da un pubblico di fotoamatori evoluti ed infine al massimo livello le fotocamere professionali reflex di costo più elevato, destinate ad appassionati esperti ed a fotografi professionisti. Queste fotocamere hanno sensori digitali di grandi dimensioni e ad alta risoluzione, e spesso hanno un design che ricorda molto quello delle macchine fotografiche reflex a pellicola. Queste fotocamere possono spesso montare le stesse ottiche usate nelle precedenti analogiche.

Fotocamere compatte automatiche

Molti fotografi che fanno uso principalmente delle reflex digitali, camere che danno ottimi risultati ma che sono anche grandi, pesanti ed a volte poco pratiche da usare e trasportare, spesso portano con sè anche una piccola automatica. Le fotografie ottenute con queste piccole macchine fotografiche in questi ultimi tempi hanno raggiunto livelli qualitativi di tutto rispetto, più che sufficienti per le esigenze di un utilizzo amatoriale.

Le piccole automatiche si sono guadagnate la fiducia di molti fotografi e sono entrate di diritto nel loro parco macchine per la loro praticità e maneggevolezza. Nell’era della fotografia digitale le automatiche sono diventate molto popolari per la loro estrema praticità e per il costo relativamente basso. Sono completamente automatiche o consentono solo limitati interventi manuali, e con una risoluzione oltre i 5 Megapixel permettono di ottenere ottime stampe fino al formato A4.

corso-fotografia-14

Pentax Optio W60 – fotocamera digitale compatta da 10 megapixel, resiste alle basse temperature, alle cadute da 1 metro, all’immersione in acqua fino a -10 metri

Fotocamere compatte evolute

Famiglia di camere dette anche “Bridge” a metà strada tra le compatte e le reflex. Generalmente una risoluzione maggiore si combina con caratteristiche più avanzate come la tecnologia di focalizzazione avanzata, mirino ottico TTL ed i comandi manuali. Questo è il segmento più vivace e dinamico, con una clientela di fotografi amatoriali con esperienza, che desiderano avere pieno controllo dei comandi e produrre stampe di media grandezza e buona qualità.

corso-fotografia-15

La Panasonic Lumix DMC FZ50 con sensore CCD da 10 Megapixel, stabilizzatore di immagine, ottica Leica con zoom ottico 12x. Una delle più apprezzate e complete fotocamere di categoria “bridge”.

Il Micro Quattro Terzi, è il nuovo formato per fotocamere digitali che ha suscitato interesse e curiosità fin dalla sua presentazione. Il suo presupposto iniziale era di coniugare la praticità di una compatta con la versatilità e la qualità d’immagine di una Reflex.

micro4terzi-lumix

La ‘micro quattro terzi’ Panasonic G1 (al centro) fra la ‘bridge’ Lumix FZ28 e la reflex DSLR L10

In dimensioni paragonabili a quelle di una bridge, si è cercato di unire la flessibilità delle ottiche intercambiabili alle dimensioni e il peso contenuto (oltre che alla silenziosità) di una compatta.
La miniaturizzazione è stata resa possibile grazie all’eliminazione del mirino ottico e di conseguenza di specchio e pentaprisma ed all’adozione di un sensore e ottiche che rappresentano un compromesso tra qualità dell’immagine e dimensioni.

Fotocamere Digitali Reflex

Se il budget a vostra disposizione è più consistente, potete rivolgere le vostre attenzioni alle fotocamere digitali progettate per i professionisti o per gli amatori di alto livello. Con costi che vanno da meno di 1000 ai 6000 Euro, queste camere riprendono il design e la tecnologia delle reflex 35mm a film e vantano risoluzioni tra i 10 ed i 24 megapixel.

Uno dei grandi vantaggi di queste fotocamere è che molti componenti (otturatore, specchio, pentaprisma, mirino) discendono direttamente dalle reflex analogiche, così come gli obiettivi progettati per le versioni a film, sono spesso usabili anche nelle versioni digitali.

I sensori digitali comunemente utilizzati nelle fotocamere digitali reflex vanno dal più piccolo “Quattro Terzi”, al diffusissimo APS-C, al pieno formato o Full-Frame di dimensioni pari a quello della pellicola 35mm, cioè 24x36mm.

Sensori-digitali-reflex

Il “Sistema Quattro Terzi” è uno standard unico per le dimensioni dei sensori di immagine e per le flange d’attacco degli obiettivi. Il sensore misura 18 x 13.5 mm, con un rapporto di 4:3 fra i lati.

sensore digitale quattro-terzi

Poiché il sensore ha dimensioni e forma standard, le ottiche progettate per una camera possono essere usate per ognuna delle altre. Nato nel tentativo di costituire uno standard di utilizzo universale con conseguente riduzione dei costi, il sistema non sembra aver riscosso un grande successo, con uno solo dei marchi storici della fotografia reflex a continuare ad utilizzarlo (Olympus).

corso-fotografia-16

Fotocamera reflex digitale professionale Nikon D3S con sensore full-frame CMOS da 12,1 Megapixel. Riesce a scattare 11 immagini al secondo alla massima risoluzione e video.

Poiché la maggior parte delle fotocamere digitali montano sensori tipo APS-C di dimensioni inferiori al fotogramma di una pellicola, le ottiche progettate specificamente per queste camere hanno peso, dimensioni e costi proporzionalmente inferiori, e questo è un vantaggio collaterale non trascurabile.

Le prime reflex digitali APS-C erano progettate per accogliere le stesse ottiche delle macchine a film. Un vero spreco, considerando che il sensore APS-C ha una superficie circa 2,6 volte minore di un fotogramma 24×36 e quindi utilizza solo la porzione centrale dell’immagine prodotta da un’obiettivo progettato per il formato 35mm (vedi l’articolo sulle differenze fra sensori Full-Frame ed APS-C).

Sensori digitali a formato pieno o Full-Frame sono utilizzati sulle reflex digitali di fascia più alta, garantendo risoluzioni e gamma dinamica di altissimo livello oltre a piena compatibilità con le ottiche progettate per il 35mm.

Videocamere digitali e video-fotocamere

Qui le cose tendono a confondersi. Molte fotocamere consentono di produrre riprese video, mentre alcune videocamere digitali possono scattare anche singole fotografie.

Per una videocamera risulta piuttosto difficile produrre immagini fisse di qualità; per quanto sia possibile estrarre un singolo fotogramma da un video, occorre tenere presente che la risoluzione di una comune videocamera è solitamente molto bassa (meno di 1 megapixel per le comuni Mini-DV) vista la sola necessità di allinearsi al potere risolvente dei dispositivi TV (Pal – 768×576), solo più recentemente aumentato con l’introduzione dell’ Alta Definizione (HDTV a 720p e 1080p).

canon-eos-550d-front

La Canon EOS 550D, una delle reflex digitali di ultima generazione con potenti capacità di ripresa video

Sono invece le fotocamere digitali con i loro potenti processori d’immagine e risoluzioni sovrabbondanti ad aver raggiunto le possibilità di ripresa di una videocamera. Le più recenti reflex digitali consentono la ripresa di clip video addirittura in formato Full HD (1080p) e la tecnologia sembra in tal senso far passi da gigante.

Fotocamere digitali per utilizzi speciali

Le fotocamere digitali sono così utili che vengono inserite sempre di più in altri apparecchi come i palmari ed i telefoni cellulari. Questi apparecchi possono spesso spedire immagini ad altri cellulari, via email, o a siti internet, forum ecc.

corso fotografia digitale formato pdf
'Clicca Qui' per acquistare il Corso completo in formato .PDF

Torna al menù principale del Corso di Fotografia Digitale